Associazione Nazionale Archeologi 
SITO UFFICIALE - OFFICIAL SITE  
www.archeologi.org 
 
  News   
Accesso riservato
Username
Password
Login automatico
  Cerca nel sito
 
i nostri links
COLAP (5476)
Archeonews (44)
 
L'ANA A BONDI: NO ALLA PRIVATIZZAZIONE DI POMPEI
Inserito il 16 aprile 2010 alle 19:24:00 da redazione-ct. IT - Tutte le notizie

L'ASSOCIAZIONE NAZIONALE ARCHEOLOGI A BONDI: NO ALLA PRIVATIZZAZIONE DI POMPEI

COMUNICATO STAMPA

Seguiamo con preoccupazione l'annuncio del Ministro Bondi di voler affidare Pompei ad una fondazione e di auspicare l'ingresso dei privati nella gestione del sito.

Il parallelo richiamato dal Ministro con il caso di Ercolano è del tutto fuori luogo: lì il miliardario americano Packard è intervenuto per aiutare economicamente un sito in difficoltà. Da generoso e disinteressato mecenate con il suo sostanzioso contributo economico sta sostenendo importantissimi progetti di restauro e valorizzazione del sito, senza ricavarne alcun profitto né esautorare la Soprintendenza, anzi sostenendola.

Nel caso di Pompei si prospetta tutt'altro: “il Ministro Bondi – denuncia il Presidente dell’Associazione Nazionale Archeologi, Tsao Cevoli - parla del coinvolgimento di banche italiane e internazionali e grandi gruppi. E' ovvio che non si tratta di soggetti disinteressati. Essi non interverranno a Pompei per sostenerla, ma per ricavarne dei profitti. Si prospetta, insomma, una ennesima privatizzazione del patrimonio culturale italiano sul modello Alitalia: i costi, come gli stipendi dei custodi, resteranno a carico dei cittadini italiani, mentre i profitti andranno alle banche e alle multinazionali. Chiediamo al Ministro di chiarire al più presto i dettagli dell’operazione e le misure che intende adottare per scongiurare questo rischio”.

Il quadro è completato dalla proroga del Commissariamento, che a Pompei come ovunque, continua a svuotare delle loro funzioni le Soprintendenze e derogare alle norme del Codice degli appalti pubblici e del Codice dei Beni Culturali, abbassando il livello di guardia della tutela.

“In Italia - conclude il Presidente Cevoli - si sta lentamente consumando il disimpegno dello Stato nella tutela e nella gestione dei beni culturali diffusi sul territorio, mentre i fiori all’occhiello l’uno dopo l’altro stanno passando nelle mani dei privati. Essendo Pompei il sito archeologico più visitato d'Italia, è ovvio che i suoi introiti fanno gola a molti”.

Torna indietro | Stampa News | Informa un amico
 
IN EVIDENZA
 
19 luglio 2013
Borsa del Turismo Archeologico
Anche quest'anno l'Ana sarà presente alla Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico, a Paestum dal 14 al 17 novembre 2013. http://www.borsaturismoarcheologico.it
27 novembre 2012
ANA > Tesseramento 2013
ISCRIVITI ALL'ASSOCIAZIONE!!
26 settembre 2011
FIRMA LA PETIZIONE!!
Firma la Petizione per la ratifica della Convenzione europea per la protezione del patrimonio archeologico
 
Copyright © 2005-2008 web ® Associazione Nazionale Archeologi Tutti i diritti riservati   Powered by Arago