Associazione Nazionale Archeologi 
SITO UFFICIALE - OFFICIAL SITE  
www.archeologi.org 
 
  News   
Accesso riservato
Username
Password
Login automatico
  Cerca nel sito
 
i nostri links
COLAP (5153)
Archeonews (44)
 
Gli archeologi tra i lavoratori meno pagati d'Italia. La denuncia del Presidente ANA
Inserito il 01 aprile 2009 alle 21:07:00 da redazione-ct. IT - Tutte le notizie

Gli archeologi sono in assoluto tra i lavoratori meno pagati d'Italia. E' quanto si deduce da un'indagine ISTAT i cui risultati sono stati resi noti oggi dall'agenzia giornalistica ANSA, che ha suscitato l'immediata reazione del Presidente ANA.

L'indagine riporta che "la cenerentola del lavoro resta la donna delle pulizie con 15.877 euro lordi all'anno, seguita a breve distanza dagli insegnanti della scuola privata". Nelle scuole private laiche, secondo questi dati, lo stipendio si ferma a quota 15.951 euro all'anno.

"I dati dell'ISTAT - commenta il Presidente ANA Tsao Cevoli - ci confermano ancora una volta che la nostra, come continuamente denunciamo, è tra le più bistrattate, meno tutelate e peggio retribuite categorie di lavoratori del nostro Paese.

Se è vero che ci sono anche degli archeologi che, affermatisi col tempo come accademici o come professionisti, hanno raggiunto una certa stabilità economica, in Italia moltissimi, anzi la maggior parte, sono gli archeologi che guadagnano meno di quegli 15.877 euro lordi all'anno che secondo l'ISTAT costituiscono la retribuzione media annua di una colf.

Questa, come confermano anche i nostri dati, è la principale ragione del precoce abbandono della professione che colpisce la stragrande maggioranza degli archeologi.

La mancanza di riconiscimento e di regolamentazione della nostra professione non solo ci espone a condizioni di lavoro e retributive ben al di sotto di quanto, con tutto il rispetto per le colf e per tutte le altre categorie di lavoratori, meriterebbe una professione così delicata e così altamente qualificata come la nostra, ma fa, inoltre, di noi una categoria fantasma, tanto da sfuggire persino alle indagini dell'ISTAT".

L'Associazione Nazionale Archeologi si batte per il riconoscimento e la regolamentazione della professione, premessa fondamentale per ottenere non solo più tutele e più diritti, ma anche una più adeguata retribuzione degli archeologi.

Di seguito la notizia ANSA:

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

(ANSA) ROMA. 2009-04-01 15:31 - Sono i lavoratori delle pulizie i meno pagati in Italia, seguiti da quelli dell'agricoltura e dagli impiegati nelle scuole private: a fare la mappa delle retribuzioni in Italia è l'Istat che per il 2008 calcola che siano sempre i magistrati i lavoratori con la busta paga più pesante (oltre 110.000 euro medi all'anno) seguiti dai giornalisti (46.508 euro l'anno) mentre l'area nel complesso meglio pagata resta quella del credito e assicurazioni con 36.427 euro l'anno.

La rilevazione è stata fatta sulla base delle retribuzioni contrattuali di cassa e non quelle di fatto. Quindi l'indagine non considera gli straordinari, i premi e gli integrativi aziendali. Sono ben pagati anche a causa dei rischi in cui incorrono gli elicotteristi (56.387 euro la retribuzione media) e i lavoratori del trasporto aereo (33.001 euro in media) anche se all'interno di questa fascia c'é una differenza consistente tra i piloti e gli altri lavoratori del settore.

La cenerentola del lavoro resta la donna delle pulizie con 15.877 euro lordi all'anno, seguita a breve distanza dagli insegnanti della scuola privata (17.993 euro all'anno). Nell'istruzione privata è meglio trovare comunque impiego nelle scuole religiose (19.539 euro) mentre in quelle laiche lo stipendio si ferma a quota 15.951 euro all'anno.

Nell'istruzione pubblica gli stipendi medi ammontano a 26.779 euro all'anno. Nell'industria in senso stretto (esclusa l'edilizia) la retribuzione annua media nel 2008 è stata pari a 21.353 euro (20.095 euro gli operai, 24.688 gli impiegati) ma con differenze significative all'interno del comparto.

La media per gli addetti all'estrazione dei minerali energetici è stata di 34.387 euro mentre per il tessile abbigliamento la busta paga media si è fermata a 18.770 euro. I metalmeccanici hanno guadagnato in media attraverso i contratti 21.007 euro mentre i lavoratori del settore energia elettrica, gas e acqua hanno portato a casa un minimo di 28.518 euro. Nei servizi la busta paga contrattuale è stata pari nel 2008 a 22.759 euro (19.954 gli operai, 25.037 gli impiegati) con salari più bassi per il commercio (20.635 euro nel 2008) rispetto ai trasporti e le comunicazioni (24.377) e il credito e assicurazioni (36.427).

Nei trasporti i meno pagati sono i lavoratori del trasporto merci su strada (21.536) e gli operai nei trasporti marittimi (17.729 euro). Nella pubblica amministrazione la busta paga media è stata pari nel 2008 a 26.034 euro con un picco per le forze dell'ordine di 32.174 euro. La media delle retribuzioni contrattuali di cassa per il totale dell'economia è stata pari a 22.746 euro.

Torna indietro | Stampa News | Informa un amico
 
IN EVIDENZA
 
19 luglio 2013
Borsa del Turismo Archeologico
Anche quest'anno l'Ana sarà presente alla Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico, a Paestum dal 14 al 17 novembre 2013. http://www.borsaturismoarcheologico.it
27 novembre 2012
ANA > Tesseramento 2013
ISCRIVITI ALL'ASSOCIAZIONE!!
26 settembre 2011
FIRMA LA PETIZIONE!!
Firma la Petizione per la ratifica della Convenzione europea per la protezione del patrimonio archeologico
 
Copyright © 2005-2008 web ® Associazione Nazionale Archeologi Tutti i diritti riservati   Powered by Arago