Associazione Nazionale Archeologi 
SITO UFFICIALE - OFFICIAL SITE  
www.archeologi.org 
 
  News   
Accesso riservato
Username
Password
Login automatico
  Cerca nel sito
 
i nostri links
COLAP (3533)
Archeonews (44)
 
EVENTI > Tavola Rotonda sulla precarietà nei BBCC
Inserito il 28 ottobre 2006 alle 01:56:00 da redazione-ct. IT - Tutte le notizie

Nell’ambito della settimana dedicata ai diritti dei lavoratori precari, CGIL NIdiL e FILLEA hanno organizzato a Napoli, nell’aula consiliare dell’Amministrazione Provinciale, una Tavola Rotonda sulla precarietà nel mondo del lavoro dei Beni Culturali, con particolare attenzione a due categorie: archeologi e restauratori.

I lavori sono stato aperti dai rappresentanti sindacali presenti, che hanno evidenziato come il proliferare di nuove forme contrattuali “flessibili” abbia creato un mercato prive di regole e di tutele sociali, rubando prospettive professionali ed esistenziali a centinaia di migliaia di persone. In Italia, nel 2005 risultavano oltre 4 milioni di lavoratori precari, inquadrati nelle forme contrattuali più varie: collaboratori coordinati e continuativi e a progetto (1.177.000); collaboratori occasionali (106.000); collaboratori con partita IVA (311.000); persone assunte con contratto di somministrazione (ex interinali 502.000); associati in partecipazione (400.000) e lavoratori a tempo determinato (1.748.000). Dai dati in possesso dei sindacati si scopre inoltre che la precarietà non riguarda solo i giovanissimi, ma tutte le generazioni tra i 30 e i 40 anni.

Invitata a partecipare alla Tavola Rotonda, è intervenuta anche l’Associazione Nazionale Archeologi, che tramite il Presidente ed alcuni membri del Direttivo Nazionale, ha fatto presente le problematiche più scottanti della categoria, prima fra tutte la mancanza di riconoscimento ufficiale in Italia della figura professionale di archeologo per migliaia di professionisti che ogni giorno lavorano nei settori più vari per la ricerca, la tutela e la valorizzazione del nostro patrimonio archeologico.

La mancanza di tale riconoscimento comporta una serie di conseguenze negative: ne vediamo un esempio in un bando pubblicato proprio in questi giorni dalla provincia di Napoli, finalizzato alla catalogazione dei beni naturalistici, storico-artistici e monumentali. Un bando che dimentica completamente il patrimonio archeologico ed i professionisti in grado di gestirlo e valorizzarlo.

Al dibattito erano invitati a partecipare tutti i soprintendenti per le Province di Napoli e Caserta: De Caro, Spinosa, Guglielmi, Nava. Quest’ultima è stata l’unica a presenziare e ad intervenire al dibattito. Con una inattesa presa di posizione ella ha chiesto ad archeologi e restauratori di denunciare con coraggio situazioni di illegalità sui cantieri, lavoro nero e tariffe ad eccessivo ribasso.

Avvicinata in separata sede dai rappresentanti dell’Associazione, il Soprintendente si è mostrato inoltre disponibile ad aprire un dialogo.

Torna indietro | Stampa News | Informa un amico
 
IN EVIDENZA
 
19 luglio 2013
Borsa del Turismo Archeologico
Anche quest'anno l'Ana sarà presente alla Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico, a Paestum dal 14 al 17 novembre 2013. http://www.borsaturismoarcheologico.it
27 novembre 2012
ANA > Tesseramento 2013
ISCRIVITI ALL'ASSOCIAZIONE!!
26 settembre 2011
FIRMA LA PETIZIONE!!
Firma la Petizione per la ratifica della Convenzione europea per la protezione del patrimonio archeologico
 
Copyright © 2005-2008 web ® Associazione Nazionale Archeologi Tutti i diritti riservati   Powered by Arago