Warning: getimagesize(): php_network_getaddresses: getaddrinfo failed: Name or service not known in /web/htdocs/www.archeologi.org/home/plugins/content/multithumb/multithumb.php on line 1546 Warning: getimagesize(http://img.radioradicale.it/foto/0003/2823555.jpg): failed to open stream: php_network_getaddresses: getaddrinfo failed: Name or service not known in /web/htdocs/www.archeologi.org/home/plugins/content/multithumb/multithumb.php on line 1546

Audizione Ministro Bray: luci e ombre

Multithumb found errors on this page:

There was a problem loading image 'http://img.radioradicale.it/foto/0003/2823555.jpg'

2823555.jpgDopo oltre 20 anni l'Italia si prepara a recepire la Convenzione Europea della Valletta in difesa del patrimonio archeologico, firmata da Giulio Andreotti nel 1992 e mai ratificata. Un obiettivo per il quale l'Associazione Nazionale Archeologi si impegna da anni con varie iniziative, tra cui una petizione al Presidente della Repubblica 

"Giovedì scorso il Ministro Bray, recependo un'istanza presentata dall'On. Costantino (SEL), ha assunto un nuovo impegno per la ratifica della Convenzione" - afferma Salvo Barrano, presidente dell'Associazione Nazionale Archeologi ANA e vicepresidente Confassociazioni con delega ai Beni Culturali - "comunicando che sottoporrà il provvedimento al Ministero degli Affari Esteri e successivamente all'ordine del giorno del Consiglio dei Ministri. Si tratterebbe di una svolta epocale per l'archeologia italiana, che introdurrebbe in Italia una visione innovativa dell'archeologia, intesa come ulteriore strumento preventivo nella pianificazione strategica del territorio. Il provvedimento avrebbe ricadute positive sull'intero patrimonio archeologico e sul paesaggio".

"Positivo anche l'impegno nella lotta alle archeomafie annunciata dal Ministro Bray, che sta valutando l'introduzione di nuove fattispecie di reato per gli abusi al patrimonio. 
Rimaniamo invece del tutto contrari " - aggiunge Barrano - "sulle scelte in tema di occupazione. 
Il Ministro infatti, tornando sul progetto dei 500 giovani per la digitalizzazione del patrimonio ha annunciato che i meritevoli alla fine del tirocinio saranno assunti con decreto dirigenziale. Si tratterebbe di un'ennesima assunzione ope legis di personale precario, scelta che tradisce una visione dello Stato assistenzialista e paternalista, in contrasto con la tensione di rinnovamento che sta emergendo nel settore dei Beni Culturali. In sostanza si riproporrebbe nel 2013 l'esperienza fallimentare dei "Giacimenti Culturali" voluta di De Michelis nel 1987, con l'aggravante di preludere ad assunzioni discriminatorie ope legis, come avvenne con la L. 285 del 1977". 

-----

Materiali

Proposta di legge d'iniziativa dei deputati Celeste Costantino, Nicola Fratoianni, Giancarlo Giordano
Ratifica ed esecuzione della Convenzione europea per la protezione del patrimonio archeologico, fatta a La Valetta in data 16 gennaio 1992:http://www.celestecostantino.it/wp-content/uploads/2013/08/Ratifica-ed-esecuzione-Convenzione-europea-La-Valletta1.pdf

Il Ministro Bray condivide le proposte dell'on. Costantino sulla protezione del patrimonio archeologico: http://www.youtube.com/watch?v=zNc4GPZTPhM&feature=youtu.be [video]

Documentazione ANA - on. Costantino: 
http://www.archeologi.org/public/ANA.PROT01_09_2013.LETTERA%20ON.COSTANTINO.pdf

 

Social media

Logo_FBLogo_TWLogo_YTLogo_GOLogo_LKLogo_IS

Il sito web dell'Associazione Nazionale Archeologi utilizza cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazioni online. Il sito utilizza cookie di terze parti (Google Analytics, Facebbok, Twitter) mentre NON utilizza cookie di profilazione ai fini di invio di messaggi pubblicitari mirati. Proseguendo nella navigazione del sito si presta il consenso all’utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni