Logo_Confass



L'Associazione Nazionale Archeologi raccoglie l'invito del Prof. Volpe a promuovere un processo federativo degli archeologi

Leggi tutto...

Prof. Volpe, la sua replica garbata e franca alla Nota ANA di ieri mattina () merita una risposta altrettanto garbata e franca, oltre che direttamente rivolta a lei.

La proposta di riprendere l'idea di una Società degli Archeologi Italiani fu lanciata da lei ben prima che fosse recepita nel documento predisposto dalle quattro consulte universitarie riunite oggi a Roma. Ricordo benissimo quando la propose ormai più di sei mesi fa, nel corso di un convegno promosso da Assotecnici presso l'INASA, a Roma. Eravamo seduti allo stesso tavolo, fianco a fianco. Ma questo è solo puntiglio tra archeologi intrappolati nelle cronologie.

Nel commento lei propone la costituzione “di un soggetto forte, attivo, autorevole, capace di lavorare ad un rilancio del ruolo dell'archeologia in Italia, nella formazione, nella ricerca, nella tutela, nel restauro, nella valorizzazione, nella comunicazione. Tema principale: il lavoro e il ruolo sociale dell'archeologia”.

Leggi tutto...

Sulla Società degli archeologi italiani: perché non serve una nuova associazione.

Leggi tutto...

Cari colleghi e colleghe,

accogliamo con interesse l’appello con cui il prof. Giuliano Volpe ha rilanciato la convocazione delle consulte di archeologia in vista della costituzione di una consulta unitaria, prevista per il 23 gennaio a Roma. In questa occasione egli infatti propone un passo in più: arrivare ad una “Società degli archeologi italiani”, una forma associativa che riunisca tutti gli archeologi, “prescindendo dall’appartenenza alle università, alle soprintendenze, agli enti locali, alle società private, alla libera professione”.

L’iniziativa, pur meritoria, appare però tardiva perché la realtà che il prof. Volpe auspica esiste già dal 2005: l'Associazione Nazionale Archeologi, costituita proprio a questo scopo da oltre 600 soci fondatori, è per statuto aperta a tutte le componenti della professione senza vincoli di età, genere, nazionalità, anzianità di ruolo, grado o stato giuridico. Proprio per venire incontro agli orientamenti dell’UE in materia di piattaforme comuni, lo statuto dell’associazione è stato improntato ai principi di rappresentatività, democraticità e trasparenza, requisiti espressamente richiesti dalla direttiva europea 2005/36 e ripresi dalla L. 4/2013: di conseguenza tutti gli archeologi, funzionari e dirigenti MiBACT, accademici, dipendenti e dirigenti di società, ricercatori, soci di cooperative, professionisti, contrattisti etc. possono iscriversi all’Associazione Nazionale Archeologi, partecipare democraticamente ai processi decisionali ma anche candidarsi ed accedere alle cariche.

Leggi tutto...

Partite IVA: mettiamo in fattura il malus Renzi

Leggi tutto...

Roma, 19 gennaio 2015: CONFASSOCIAZIONI, Acta e Alta Partecipazione lanciano la campagnaFATTURIAMO RENZI.

Dopo il trattamento riservato al lavoro autonomo professionale dal Governo e dopo l’annuncio del Presidente del Consiglio Renzi di una pronta marcia indietro – affermano le Associazioni – ancora una volta siamo in attesa che alle parole seguano i fatti.
E’ urgente che il Governo sostenga in Parlamento gli emendamenti al Milleproroghe che prevedono il blocco dell’aumento dell’aliquota della gestione separata INPS e subito dopo metta mano al regime dei minimi e si dedichi a una riforma organica del lavoro autonomo e professionale che preveda il riconoscimento di un’ effettiva tutela della malattia e fissi l’aliquota previdenziale al 24% come già previsto per artigiani e commercianti.
Nel frattempo – spiegano le Associazioni – in assenza di segnali concreti chiederemo a tutti i professionisti, autonomi e freelance di evidenziare esplicitamente nelle fatture che rilasciano ai propri clienti l’aggravio fiscale e contributivo prodotto dalle politiche del Governo.

Leggi tutto...

Pagina 1 di 15

News e promozioni

Rassegna stampa